Al di là del mare. L’agrodolce sapore della primavera a Mostar e Sarajevo

Così ci appare la Croazia in una giornata di aprile. Merletto di isole vaporose che la nave aggira come un fusello.

Quando nei primi anni ottanta ho percorso la stessa rotta e la stabilità delle navi Jadrolinija non confliggeva ancora con le ruggini e l’usura degli arredi di un cinquantennio di traversate quotidiane, la frontiera si chiamava Jugoslavia e il controllo di dogana, certo lungo e meticoloso, era unico. Le banchine pullulanti di donne e uomini che si facevano largo con cartelli Rooms, Zimmer, Camere e sorrisi accoglienti non ci sono più, sostituiti dai messaggi iconici del turismo di massa. Pur provenendo da Matera e naturalmente indirizzati a usufruire del porto di Bari, preferiamo imbarcarci da Ancona per Split e risparmiarci in andata sei frontiere consecutive nel cuneo di poche decine di chilometri di costa bosniaca, esperienza non motivante che abbiamo riservato al viaggio di ritorno da Dubrovnik con una dilatazione esponenziale dei tempi di percorrenza.
Read more

20 Maggio: Salone del Libro di Torino presentazione del libro Confini/Borders

Fotografia e scrittura rappresentano un linguaggio duale e uno strumento di ricerca delle tracce di storie di transiti e migrazioni lungo la Murgia, territorio di confine tra Puglia e Basilicata dall’epoca preistorica al più recente passato, in cui guerre e conflitti hanno lasciato segni profondi, come i campi profughi e le basi missilistiche dislocate dalla NATO all’epoca della Guerra Fredda.

Su questi aspetti Pio Tarantini ─ fotografo e pubblicista ─ sarà in dialogo con Angela Capurso e focalizzerà l’attenzione soprattutto sugli aspetti relativi alla ricerca fotografica, da quella specifica realizzata dall’autrice al suo rapporto con la fotografia di paesaggio in generale e con quello meridionale in particolare, tra passato e presente, tra ricerca storico-antropologica e suggestioni visive.

www.pio.tarantini.com

Esponente della fotografia italiana contemporanea in quanto autore e studioso Pio Tarantini ha realizzato in più di quaranta anni un corpus molto ricco di lavori fotografici esposti in molte sedi italiane pubbliche e private. Ha realizzato una decina di volumi fotografici monografici e dalla fine degli anni ottanta scrive di fotografia collaborando nel corso degli anni con molte riviste; insegna linguaggio fotografico e sulla materia tiene corsi e conferenze. In qualità di saggista ha pubblicato tra l’altro Fotografia araba fenice. Note sparse tra fotografia, cultura e il mestiere di vivere (2014). Sue opere sono conservate presso collezioni private e istituzioni pubbliche tra cui il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo.

Leggi l’articolo su FPmagazine

Subterranea Matera Sum.
Riscoperto un vasto ipogeo nel cuore della Città dei Sassi.

Piazza Vittorio Veneto, punto di raccordo tra Sassi e Piano, non era una piazza, né tantomeno centrale. A differenza della maggior parte delle città italiane, lo spazio del cuore di Matera, snodo tra Sassi e Piano, lungo l’asse viario sud-est/sud-ovest, è frutto di uno dei tanti adeguamenti di una città costantemente in fieri, che ridisegna il suo profilo ogniqualvolta la crescita della popolazione e le mutate situazioni politico-istituzionali ne determinino l’esigenza. La piazza, già denominata Largo Plebiscito, agli inizi del Novecento dopo il riempimento degli ambienti ipogei e la rimozione di dislivelli e scale, ha offerto un arioso luogo di ritrovo e relazione dei cittadini, contiguo a quella della Fontana, insieme alla funzione di facilitare il movimento e l’accesso a edifici pubblici. Read more

Idee e progetti per la fotografia. Nella Città dei Sassi il Matera European Photography MEPH

La fotografia è linguaggio, iconico e scevro da traduzioni, universale e destinato a competere con il tempo. Non ammette più ignoranza, oggi, né trascuratezza o discontinuità. Nelle antiche società aurali, Gorgia rifletteva sulla natura e le tecniche della parola come veicolo della conoscenza, invitando i suoi interlocutori a coglierne il potere, in quanto il logos, pur con un corpo piccolo e invisibile, sapeva compiere cose straordinarie e più che divine: placare le paure, eliminare il dolore, suscitare la gioia e aumentare la pietà. Analogamente la comunicazione visiva delle società attuali richiede un approccio semiotico che permetta di superare l’immediata e spontanea percezione soggettiva e indirizzi lo sguardo a spingersi verso più compiute capacità interpretative, necessarie a discernere le sensibilità e gli apporti personali qualificati nel diluvio di immagini cui siamo sottoposti, responsabile di alti indici di disorientamento. Se dunque il rapporto parola/fotografia nasce dall’esigenza di raccontare, di farsi “testo”, il lavoro fotografico rivela contatti con il lavoro filologico e può declinarsi all’interno di un ampio spettro che va dalla alfabetizzazione delle tecniche alle più alte potenzialità espressive e sperimentali di ogni linguaggio. Read more

Potenza 27 gennaio 2017

Il viaggio di Confini/Borders continua. Il 27 gennaio 2017 – e non senza ragione – sarà ospite a Potenza, in Via Pretoria, del circolo culturale Gocce d’Autore, negli ampi spazi distribuiti su tre livelli, del recentissimo polo della creatività, nato dal connubio con la libreria Mondadori e attivo dal settembre 2016. Read more

26 settembre 16 Feltrinelli Bari presentazione del libro Fotografico Confini/Borders di Angela Capurso

Tra gli Eventi de La Feltrinelli di Bari, è annunciata la presentazione del libro di Angela Capurso Confini/ Borders,  lunedì 26 settembre 2016, alle ore 18. Saranno esposte al primo piano oltre venti immagini tratte dal libro: la mostra rappresenterà un ulteriore momento di verifica del percorso di esplorazione fotografica del paesaggio della Murgia, indagata con lo sguardo rigoroso della ricerca storica. Read more

24 – 25 settembre 2016
RICCARDO VARINI
workshop di fotografia

Workshop di Fotografia:
L’Armonia della Composizione
con il fotografo RICCARDO VARINI

Organizzato da Angela Capurso

Con il Patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Matera – Biblioteca Provinciale “T.Stigliani”

Di Riccardo Varini, Arturo Carlo Quintavalle sottolinea la leggerezza del linguaggio e la scelta di tenersi lontano dal fotogenico enfatico e magniloquente, una poetica dell’immagine che lo accomuna a Luigi Ghirri. Un’occasione imperdibile per artisti, fotografi professionisti e non, il prezioso workshop del fotografo reggiano nella città dei Sassi, il 24 e 25 settembre 2016, durante il quale si rifletterà sulla composizione fotografica. Le iscrizioni sono aperte fino al numero massimo di venti partecipanti.
Read more

La fotografia di Scianna dice e rappresenta come una poesia.
In mostra a Matera ‘Il Sud e le donne’

di Angela Capurso

Ti senti chiamato in causa: “Tu non conosci il Sud”.  Non sai se prenderla come accusa, una manchevole trascuratezza o una minaccia. E mentre rimugini un potenziale senso di colpa, ti accorgi che non è poi tanto facile parlare del Sud. Il rischio di una comoda generalizzazione – il sole, la pizza, la mafia, i terroni, la miseria, la pigrizia – è così alto da tenerci ancorati agli stereotipi dell’immaginario comune. Fa bene Oscar Iarussi a richiamare le disadorne parole di Vittorio Bodini. Sono grata per quel brusco richiamo che mi ha spinto a leggere i versi successivi Read more